Don’t ask my love

Ma quante cose vorrei dirti che poi restano a me.

-Cosa sono questi conflitti di interessi?!

Vorrei me li spiegassi!!!

Sei uno stronzo tu, non mi hai saputa amare come si deve.

Anche se, tutto il mio atteggiamento diviene da esso.

Scegli pure la via più semplice.

Come biasimarti d’altronde, non hai mai saputo conquistarti nulla.

-RESTA LÌ!-

Mi hai illusa in tutti i modi possibili e inimmaginabili per raggiungere tutti i tuoi SCOPI.

Amore per te è un gioco, come al parco divertimenti.
Bimbo biondo del cazzo!

Annunci

Un calice di troppo

“Sai penso che sia stato inutile stare insieme a te” canta il tuo amato Grignani!
-Eh sì, mi sa che lo pensiamo entrambi.-
Nessuna voglia da parte tua di cercarmi, nessuno stimolo di trovarmi.

Bene!

Tu goditi quel bianco, che ti dia pure alla testa.
Io sono tipa da rosso.

VIRTUS PATIENTAE MUNITUS

Mi piace come sei,
come appari così distaccato alla gente con tuo sguardo inebriante da uomo riservato.
Quell’aria seriosa solo per chi non ti conosce.
Eh il danno è quello, conoscerti.
Troppo bene o troppo male.
Dipende, ma è anche detto che non si smette mai di conoscersi.
Chissà, se credi nei colpi di fulmini.
Periodi sui banchi passati ad osservarti in silenzio.
Per poi vedere a tratti il tuo io,
che mi hai mostrato solo quando sono venuta io.
Eh sì, venuta!
Proprio lì, su quel letto e quella famosa stanza.
Attimi di sconvolgente passione, calore ma soprattutto piacere.
Mai provato così tanto piacere,
Sincere urla di pura goduria…
Sensazioni volute da un po’,
non solo da me!
Adesso tutto si blocca però.
Tu sei così,
Capirti sì, sarà
dura, ma il destino forse mi aiuterà.
Aspettare è l’unica soluzione.